le ultime news
spacer
10/01/2017 alle ore 09:16 - VIGILANZA SICUREZZA
Condividi su:    
spacer

Vigilanza Privata: agevolazioni fiscali per spese sulla sicurezza

Vigilanza Privata: agevolazioni fiscali per spese sulla sicurezza

In Gazzetta Ufficiale pubblicato il decreto attuativo con i criteri di accesso all’agevolazione fiscale.

Ad un anno dalla previsione di uno stanziamento di 15 milioni di euro per l’istituzione di un credito d’imposta per le spese destinate alla sicurezza dei privati, arriva finalmente il decreto attuativo del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 6 dicembre 2016, che definisce i criteri e le procedure con cui le persone fisiche possono accedere al “bonus”.

A chi spetta?
Nello specifico, l’agevolazione spetta alle persone fisiche - non nell'esercizio di attività di lavoro autonomo o di impresa, quindi esclusi artigiani e commercianti - per le spese sostenute nel corso del 2016 per:

  • l’installazione di sistemi di videosorveglianza digitale o di sistemi di allarme;
  • la stipula di contratti con istituti di vigilanza.

In entrambi i casi, le spese sono ammissibili al credito d’imposta a condizione che siano sostenute con riferimento alle sole abitazioni private (in altre parole, gli immobili non devono essere utilizzati per l’esercizio di attività d’impresa o lavoro autonomo); nel caso in cui l’immobile sia adibito promiscuamente all’uso sia personale che lavorativo, il credito d’imposta (da determinare ai sensi del comma 2 dell'art. 3 del decreto) è ridotto al 50%.

Come richiederlo?
Per il riconoscimento del credito d’imposta sarà necessario inviare, in via telematica, un’apposita istanza all’Agenzia delle Entrate, in cui indicare l’importo delle spese agevolabili sostenute nel 2016.
Per lo schema da utilizzare per l’istanza, così come per il termine entro il quale la stessa andrà inviata, c’è tuttavia da attendere ancora: a stabilirlo sarà infatti un apposito provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate, da emanarsi entro 60 giorni dall’entrata in vigore del decreto (22 dicembre 2016).

Sulla base del rapporto tra le risorse stanziate con la Legge di Stabilità 2016 e il credito d'imposta complessivamente richiesto, l'Agenzia delle Entrate determinerà la percentuale massima del “bonus” spettante a ciascun richiedente, che sarà comunicata con un altro provvedimento da emanarsi entro il 31 marzo 2017.
Attenzione: il credito d'imposta non sarà cumulabile con altre agevolazioni di natura fiscale aventi ad oggetto le stesse spese.

Come fruirne?
Il credito d'imposta dovrà essere indicato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d'imposta 2016, e sarà utilizzabile in compensazione. A tal fine, il modello F24 dovrà essere presentato esclusivamente tramite i servizi telematici offerti dall'Agenzia delle Entrate, pena il rifiuto dell'operazione di versamento. In alternativa, le persone fisiche non titolari di redditi d'impresa o di lavoro autonomo potranno utilizzare il credito spettante in diminuzione delle imposte dovute in base alla dichiarazione dei redditi. L'eventuale ammontare del credito d'imposta non utilizzato potrà essere fruito nei periodi di imposta successivi, senza alcun limite temporale.

Controlli
Nel caso in cui l'Agenzia delle Entrate accerti che l'agevolazione sia in tutto o in parte non spettante, procederà al recupero del relativo importo secondo le disposizioni di cui all'art. 1, commi da 421 a 423, della legge 30 dicembre 2004, n. 311.

Fonte: FederSicurezza

Stop Secret Awards

candidati ora vota il più amato dalla rete diventa sponsor partecipa alla serta di galaCredit Management & Collection Awards

 
Condividi su:    
spacer

pubblicata il 10/01/2017 alle ore 09:16, aggiornata il 10/01/2017 alle ore 10:32
spacer






INFORMAZIONI COMMERCIALI GESTIONE DEL CREDITO INVESTIGAZIONI VIGILANZA SICUREZZA TUTTO INTORNO EVENTI INVIACI I TUOI ARTICOLI STOPSECRET COMUNICA
iscriviti alla newsletter di StopSecret magazine
spacer
spacer
spacer

Le altre news di Vigilanza Sicurezza