Il comparto della sicurezza privata ha espresso tutto il suo dissenso nei confronti della proposta del Ministro Boccia. Stavolta è FederSicurezza, la Federazione della Vigilanza e Sicurezza Privata, che rappresenta oltre 55.000 addetti, a inviare una lettera ai rappresentanti del Governo per chiedere un imminente tavolo di confronto sul tema delle guardie civiche. L’iniziativa proposta dal Ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia prevede infatti il reclutamento di 60 mila volontari tra le file dei percipienti del reddito di cittadinanza ai quali affidare il compito di controllo e verifica delle norme di sicurezza, quali distanziamento sociale, divieto di assembramenti e obbligo delle mascherine, a partire dal 3 giugno. Già nei giorni scorsi, la proposta aveva sollevato dubbi e disappunto non solo all’interno del settore della vigilanza privata, ma anche da parte di alcune cariche istituzionali come i ministri Lamorgese e Guerini. Dopo che il Presidente Luigi Gabriele aveva espresso tutta la sua frustrazione per la proposta del Ministro Boccia, FederSicurezza ha inviato una lettera al Governo esprimendo la richiesta di un incontro urgente tra le parti. Dalle parole del vice Presidente Gianni Baratta, firmatario della missiva, emergono ancora una volta le perplessità di un intero comparto, che viene inspiegabilmente messo ...leggi tutto

StopSecretEventi >>
I prossimi appuntamenti

StopSecretNewsletter
Rimani sempre informato




Editoriali >>
Cosimo Cordaro

#andràtuttobene se sapremo evolverci

L’Italia riapre, dopo le settimane del Covid-19, e il futuro appare durissimo. Ma questa crisi, come tutte, contiene anche i semi per la rinascita. Rapporti interni ed esterni alle aziende, nuove dinamiche, soluzioni smart ... leggi tutto

Precedente
Successivo
Oltre 23mila le imprese che vendono al dettaglio sul web Negli ultimi cinque anni sono cresciute di 10mila unità le imprese che vendono sul web, a fronte di un calo di quasi 45mila operatori dell’intero comparto del commercio al dettaglio. A puntare sul “negozio” online sono stati soprattutto gli imprenditori del Sud, forse per ovviare alla carenza di infrastrutture. Infatti se la Lombardia si distingue per il numero più elevato di imprese che vendono su internet (4.406), tra il 2015 e il 2020 Campania e Basilicata si posizionano al top per i ritmi di crescita rispetto al resto dell’Italia (+25,4% contro +14,5% medio annuo). Un segno del cambiamento delle abitudini di consumo che, soprattutto in epoca di coronavirus, permette agli imprenditori che commerciano sulla “rete” di potere contare su una marcia in più. Più in dettaglio confrontando il segmento delle vendite web con l’intero mondo del commercio, tra il 2015 e il 2020, le imprese della vendita al dettaglio attraverso internet sono aumentate di 9.840 unità, pari ad una crescita media del 14,5% all’anno, portando a quota 23.386 il numero complessivo degli “shop” online. Nello stesso periodo, invece, l’insieme del settore del commercio al dettaglio ha perso 44.751 imprese, pari ...leggi tutto

Ad oggi, in Italia, il settore della vigilanza privata è composto da oltre 5.000 aziende ed impiega circa 250 mila operatori. In questi mesi di lock down le guardie giurate sono intervenute insieme alle forze dell’ordine per presidiare luoghi pubblici, ospedali ed esercizi commerciali e garantire il rispetto delle norme di sicurezza. Il comparto non si è mai fermato assicurando Read more
Si prospettano nuove opportunità all’orizzonte per il settore della cybersecurity. L’emergenza sanitaria che ha costretto in casa milioni e milioni di persone ha avuto i suoi effetti anche sulla sicurezza informatica. Le persone hanno utilizzato di più gli strumenti digitali e alcune di loro, laddove il lavoro glielo consentiva, hanno continuato a lavorare da casa sfruttando la Rete. In un Read more

stopsecret tv media interviste filmati youtubeGli ultimi video

Prima pagina

Il Decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 ha finalmente inserito quei lavoratori fino ad ora esclusi ovvero quelli del settore “intermittente” che abbiano svolto la prestazione lavorativa per almeno trenta giornate nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 31 gennaio 2020; per questi lavoratori il Governo ha stanziato un contributo di 600 Euro, "Aiutare le aziende Read more
Gli effetti del blocco delle attività a causa della pandemia da Covid-19 si faranno sentire nel breve periodo, tuttavia a medio-lungo termine potrebbero aprirsi nuove opportunità per il settore degli Npl. È quanto emerso dal recente sondaggio di Ey rivolto ai principali esponenti del comparto e intitolato “Gli operatori bancari investitori in NPE: quali ruoli e opportunità nel nuovo contesto Read more
Dal 4 maggio scorso è iniziata la così detta fase 2 e per il settore della vigilanza privata si sono aperte nuove opportunità di lavoro. Infatti, in questo delicato momento post emergenza, nonostante l’allentamento di alcune restrizioni lo stato d’allerta rimane elevato. Secondo l’ultimo DCPM le norme sulla sicurezza personale, quali il distanziamento sociale, l’obbligo di indossare le mascherine e Read more
L’introduzione del webinar dal titolo “La gestione del credito ai tempi del coronavirus” a cura del Direttore editoriale ed i saluti di Gianmarco Senna, Presidente IV Commissione permanente, Attività produttive, istruzione, formazione e occupazione della Regione Lombardia. Il 14 maggio si è svolto il primo webinar organizzato da StopSecret Magazine in partnership con MeetEasy. “È adesso il momento della più Read more

stopsecret eventi seminari workshot serate awards

Le ultime notizie pubblicate