StopSecret


Market Watch NPL – The Italian Scenario


a cura di Redazione
segreteria di redazione

Market Watch NPL – The Italian Scenario
L’appuntamento trimestrale per il “Market Watch NPL – Italian Scenario”, mappatura delle transazioni e degli andamenti del mercato domestico dei Non-Performing Loans, viene arricchito da un commento di Claudio Manetti, AD di Fire SpA.
È di pochi giorni fa la pubblicazione dei dati di quella che è a tutti gli effetti la mappa italiana dei crediti deteriorati.
La realizzazione è di Banca IFIS che riporta non solo le transazioni del mercato italiano dei crediti deteriorati, ma anche l’analisi dei trend e la clusterizzazione per segmento e per geolocalizzazione delle sofferenze italiane.

L’osservatorio evidenzia i principali dati relativi ai trend generali e di dettaglio dei NPLs, con particolare focus sulle transazioni realizzate e in pipeline che caratterizzano il panorama italiano (leggi l’articolo sui temi del Market watch NPL).

Claudio Manetti, Amministratore Delegato di Fire S.p.A., ha così commentato il Market Watch:
“Il tema degli UtP non va affrontato con allarmismo, ma con realismo. Occorre infatti guardare con attenzione ai numeri e alle dinamiche dei portafogli NPL.

I numeri dicono che – già a partire dal 2016 – gli UtP netti valevano più delle sofferenze nette (87 miliardi contro 86): la causa è da ricercarsi nella gestione e nelle politiche di accantonamento.
Sembra esserci un controsenso di fondo quando si parla di Utp: la loro definizione intende esprimere che la probabilità che vengano pagati è nulla senza l’escussione delle garanzie, mentre le politiche di provisioning adottate lasciano spazio all’ottimismo più sfrenato dal momento che coprono queste posizioni per poco più del 30%: come dire che ci si aspetta di recuperare il 70%.
Le dinamiche, invece, mostrano come gli Utp si sgonfino principalmente per lo scivolamento verso le sofferenze (circa il 22%) e si gonfino per il rientro da queste ultime (13%) o per il deterioramento dei crediti performing (22%): è evidente che questi flussi sono condizionati dal contesto esterno, ma anche dalle policy interne di gestione.

Non a caso le Linee Guida della BCE di marzo 2017 facevano focus su tutti gli NPL, non solo sulle sofferenze.
È fondamentale che il fenomeno degli UtP venga affrontato seriamente e rapidamente per non tornare ad alimentare i bad loans: non bisogna dimenticare che una parte significativa degli UtP è costituito da sofferenze non dichiarate per carenza di risorse da destinare alle coperture.

Occorre distinguere tra UtP veri e sofferenze “mascherate”. Se per queste ultime si potrebbe configurare uno scenario di passaggio a sofferenza sotto certe condizioni e quindi di cessione, per gli UtP in senso stretto l’unica vera soluzione sta nella gestione e nell’adozione di strumenti e di tecniche di recupero diverse da quelle adottate per le altre tipologie di crediti. Considerando che due terzi degli UtP sono in capo ad aziende, il restructuring è ad esempio una soluzione di rilievo per il superamento del problema.

Penso che nel 2017 si è finalmente mosso il mercato delle sofferenze. Siccome la domanda è stata decisamente superiore all’offerta, i prezzi di aggiudicazione di questi portafogli sono decisamente lievitati, coprendo parte del cosiddetto bid-ask gap: capiremo tra un po’ se è stato un affare vero per chi ha acquistato. Se escludiamo il comparto del credito al consumo (che è stato molto dinamico), le banche hanno realizzato soprattutto operazioni di grandi dimensioni, spinte dal coraggio intellettuale di Jean Pierre Mustier in Unicredit o dalla necessità delle Autorità di Vigilanza di risolvere alcune crisi bancarie conclamate (penso a MPS, a Carige, a Popolare di Bari). Poche sono state invece le vendite programmate dai piani industriali che gli istituti hanno dovuto presentare alla ECB: ritengo che il 2018 sarà diverso sotto questo profilo e che tutto il sistema sarà chiamato a muoversi, favorito dalle migliori condizioni del Paese nel suo complesso e dalla necessità di rilanciare il credito per accompagnare la revisione del suo modello di business. Sono convinto che sarà l’anno delle piattaforme, soluzioni con le quali le banche (in particolare quelle di dimensione locale) possono sfruttare le capacità di mestiere, organizzative e tecnologiche di un servicer, mantenendo comunque la governance del processo di recupero del credito. Noi di Fire stiamo lavorando proprio in questa direzione.”

Inoltre, in merito alla dichiarazione di Giovanni Bossi, Amministratore Delegato di Banca IFIS, Manetti commenta:
“Con Giovanni Bossi condividiamo che gli UtP sono animali diversi dalle sofferenze. Concordo anche sul fatto che l’approccio a questi crediti non può essere quello tradizionale del recupero crediti: non ritengo però che debba essere solo quello del credit manager. La gestione di un UtP deve prevedere un allineamento costante tra la società di recupero crediti e la Banca, che – secondo il mio punto di vista – non può non rimanere la “proprietaria” della relazione col suo cliente. Deve trattarsi di un vero e proprio allineamento di interessi. Più che una questione di mero profilo, quindi, ritengo che si tratti di strumenti, di tecniche di gestione e di processi specifici. Il valore di questo mestiere è per queste ragioni ben superiore, poiché non punta a recuperare solo un credito, bensì una relazione”.

A cura della Redazione
© Riproduzione riservata


L’INIZIATIVA        CANDIDATI/VOTA        SPONSORSHIP        PARTECIPA

StopSecretEventi >>
I prossimi appuntamenti

StopSecretNewsletter
Rimani sempre informato





stopsecret tv media interviste filmati youtubeGli ultimi video


stopsecret eventi seminari workshot serate awards