Investigation & Forensic Awards

CON IL PATROCINIO DI

SPONSOR

ECCELLENZA • ESPERIENZA • DEONTOLOGIA

Investigare in segreto, celebrare in grande

Ieri sera si è svolta la terza edizione degli Investigation & Forensic Awards, l’unico contest che premia le eccellenze italiane dell’investigazione e del mondo forense.

L’atmosfera che si percepiva ieri era un misto di eccitazione, sorpresa e meraviglia. Chi l’avrebbe mai detto che centinaia di investigatori e persone che fanno dell’invisibilità un requisito fondamentale per il loro lavoro, ieri si sarebbero finalmente esposte al pubblico, per una serata mondana di relazioni e celebrazioni.

La terza edizione degli Investigation & Forensic Awards ci piace descriverla come un unicum nel panorama italiano e così è stato. Ci ricorderemo per diverse settimane di ieri, non solo per essere riusciti a riunire più di 200 professionisti dell’investigazione e del mondo forense da tutta Italia, ma anche perché StopSecret ha avuto l’onore di poter celebrare le loro vittorie professionali e renderle note ad un pubblico vasto e variegato.

Tra i momenti di punta della serata ci sono state le interviste a due professionisti che hanno portato alle orecchie dei partecipanti vicende singolari e scoperte emozionanti.
Carmelo Dambone, psicologo clinico e forense, psicoterapeuta e docente presso l’Università IULM di Milano, ha parlato del suo libro “La violenza spettacolarizzata. Il crimine e l’impatto psicologico della comunicazione”: tra i temi maggiormente d’impatto evidenziati dal docente, si nomina quello della paura dello straniero e delle reazioni a livello sociale e psicologico dei cambiamenti moderni. Si è parlato del concetto di vittima e carnefice, contestualizzandolo nel panorama odierno, con particolari riferimenti anche a casi di cronaca italiana, seguiti proprio dal Professore Dambone.

Tiziana Barrella, avvocato e criminologa, esperta di linguaggio del corpo e simbolismo antico, ha trasportato la sua attitudine investigativa nel campo dell’arte, facendo importanti scoperte nel suo libro “Culture esoteriche e significati nascosti. I segreti della Reggia di Caserta”. Il volume, scritto a quattro mani insieme allo psicologo Alessandro Meluzzi, analizza i numeri, le forme geometriche, le decorazioni e persino le fontane presenti nella Reggia. Si tratta di elementi che comunicano dei messaggi in un linguaggio cripato fatto di simboli e tradizioni antiche che gli autori svelano e raccontano in modo avvincente.

Tra i premi più prestigiosi quello dedicato a Luciano Garofano che sia nella sua lunga carriera nel RIS di Parma sia successivamente da libero professionista ha sempre operato mettendo l’etica professionale al primo posto, come recita la motivazione del suo premio “ha la deontologia nel DNA”.

Rimanendo nel campo della correttezza e della rettitudine, Stefania Radoccia, prima e unica managing partner donna di Ernst & Young, ha ritirato il premio come “Avvocato con particolare attenzione alla Deontologia”. Presente alla serata, ha evidenziato i risultati ottenuti a livello internazionale dal suo lavoro e dall’azienda che rappresenta.

Amore Criminale è stato premiato come “Miglior programma televisivo di approfondimento”, evidenziando l’importanza fondamentale dei progetti portati avanti per aiutare le donne vittime di violenza.

Ugo Terracciano, criminologo, vince il premio “Esperto in Criminologia e Scienze Forensi” per la sua lunga esperienza e soprattutto per il suo impegno nel portare avanti la norma UNI 1603734 “Criminologo”, per il riconoscimento e la regolamentazione di questa professione.

Infine l’evento, pur rivolgendosi prevalentemente a professionisti privati, non poteva non dedicare un premio anche alle forze dell’ordine, parte indispensabile della lotta contro il crimine e della ricerca anche in campo tecnologico. Fabio Massa, esperto in Informatica forense e parte dell’arma dei Carabinieri, ieri ha ritirato il premio “Law Enforcement Specialist”.

Una serata indimenticabile, impreziosita da vera e propria magia grazie al mago professionista che ieri si è esibito, per ricordarci che la realtà è spesso fatta di apparenze. Agli investigatori il compito di svelarne tutte le verità, fatta eccezioni per i trucchi usati da Magic Marco.

Ed infine, come concludere qualcosa che si vorrebbe non finisse mai?

StopSecret dà a tutti fin da ora l’appuntamento per il prossimo anno.

A cura di Karen Giacomello