Informatica forense e violazione del segreto aziendale: la sentenza del Tribunale di Bologna


a cura di Redazione
segreteria di redazione

Informatica forense e violazione del segreto aziendale: la sentenza del Tribunale di Bologna

In caso di violazione dei segreti aziendali da parte di ex dipendenti, il Tribunale di Bologna ha confermato la liceità delle aziende di avvalersi di un informatico forense per reperire prove utili in sede di giudizio


I segreti aziendali fanno parte del patrimonio di un’azienda ed oggi più che mai è fondamentale tutelarli perché non finiscano in mani sbagliate (come ad esempio hacker) o alla concorrenza. Molto spesso però, chi dovrebbe salvaguardarne la segretezza finisce con l’usufruirne per un proprio tornaconto: si tratta di dipendenti infedeli o ex dipendenti che violano il patto di non concorrenza. Il caso in questione riguarda un’azienda, titolare di brevetti nel campo degli avvitatori automatici, che si è vista soffiare informazioni sensibili e riservate da tre ex dipendenti dimessisi volontariamente nel settembre del 2017. A seguito delle dimissioni, i tre avevano avviato una collaborazione con un gruppo costituito da tre società operanti anch’esse nel settore degli avvitatori automatici, perciò concorrenti.

Tuttavia, la “vecchia” azienda era venuta a sapere che una delle tre società del gruppo aveva formulato “ordinativi di componenti con caratteristiche pressoché identiche ai propri”. Una volta verificato il coinvolgimento degli ex dipendenti con le suddette società, ha incaricato un’agenzia di consulenza informatica allo scopo di analizzare i computer aziendali utilizzati precedentemente dagli ex dipendenti. Dalle indagini è emerso che i tre avevano prelevato e copiato, anche nel periodo antecedente alle rispettive dimissioni, informazioni aziendali riservate, sia di natura commerciale che tecnica.


Il caso è finito al Tribunale Ordinario di Bologna. I tre ex dipendenti hanno presentato ricorso, lamentando la mancata legittimità da parte della “vecchia” azienda di avvalersi di un’agenzia di consulenza informatica, in barba ai diritti sulla privacy. Il Tribunale di Bologna, con l’ordinanza del 12 novembre 2018, ha respinto il ricorso avvallando l’attività svolta dagli informatici forensi incaricati dall’ ex azienda, “in quanto le modalità di acquisizione dei dati non hanno comportato l’accesso ad account privati di posta degli ex dipendenti e i dati sono stati rinvenuti all’interno dell’hardware della ricorrente, poiché trasfusi dall’interessato sul pc aziendale tramite backup dell’Iphone”. La sentenza ha confermato quindi la possibilità da parte delle aziende, soggette ad abuso o furto dei segreti aziendali, di avvalersi di una società di consulenza informatica per reperire prove che verifichino la colpevolezza o meno di dipendenti infedeli o ex dipendenti.

StopSecretEventi >>
I prossimi appuntamenti

StopSecretNewsletter
Rimani sempre informato





stopsecret tv media interviste filmati youtubeGli ultimi video


stopsecret eventi seminari workshot serate awards