Economia in crisi: i commercialisti puntano il dito sul ritardo nei pagamenti
Secondo il 91% dei commercialisti nell’ultimo anno le aziende hanno subito ritardi nei pagamenti: per quasi la metà il quadro economico rimarrà negativo anche nel 2020 La macchina dei pagamenti si è inceppata: è uno dei principali motivi del cattivo andamento dell’economia del Paese. A lanciare l’allarme sono i commercialisti. Per il 91,3%, nell’ultimo anno le aziende clienti hanno subito forti ritardi nella riscossione dei crediti, per più della metà i tempi si sono allungati. Tuttavia, per l’87,7%, le imprese a loro volta hanno pagato in ritardo i propri fornitori, “numeri che documentano un cortocircuito fatto di crediti difficili da incassare e pagamenti rinviati”. È quanto emerso dal “Barometro Censis-Commercialisti sull’andamento dell’economia italiana”, realizzato in collaborazione con il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili su un campione di 4 mila commercialisti. A contribuire a questa situazione negativa ci si mette anche la PA. Secondo il 60% dei commercialisti, le imprese hanno subito ritardi nei pagamenti da parte della Pubblica Amministrazione. Di conseguenza, la situazione si ripercuote anche sui dipendenti delle aziende stesse. Il 58,3 % dei professionisti ravvisa che nell’ultimo anno le aziende clienti hanno ritardato lo stipendio ai propri lavoratori (con un picco del 75,5% al Leggi di più

StopSecretEventi >>
I prossimi appuntamenti

StopSecretNewsletter
Rimani sempre informato




“Oggettività e diffusione della prova scientifica”: Giuseppe Cammaroto, avvocato e Consigliere presso Forensics Group, giurato agli Investigation & Forensic Awards
Prima di dare il via agli Investigation & Forensic Awards abbiamo pensato fosse importante ascoltare le opinioni dei giurati che decreteranno i vincitori di quest’edizione. Tra loro abbiamo intervistato Giuseppe Cammaroto che sottolinea la necessità della prova scientifica e del criterio dell’oggettività. Siamo ormai giunti alla 3° edizione degli Investigation & Forensic Awards 2019, l’evento che ha l’intento di premiare l’Eccellenza, l’Esperienza e il contributo deontologico di Professionisti che fanno parte del campo delle investigazioni e del panorama forense. Il contest si svolgerà all’Hotel Melià Milano, il 21 novembre 2019, dove, per quest’occasione, si è organizzata un’elegante cena di gala durante la quale verranno fatte le premiazioni. Come per le scorse edizioni, anche quest’anno a decretare i vincitori e a valutare l’operato di ogni candidato, ci sarà una giuria, composta da professori universitari, professionisti, tecnici ed esperti di settore. Tra i giurati abbiamo anche Giuseppe Cammaroto, Avvocato e Consigliere presso Forensics Group. Già Ufficiale Superiore della Guardia di Finanza, nell’ambito di Forensics Group si occupa della diffusione della “prova scientifica”. Ed è proprio quest’ultima che ritiene essere la sua missione, l’oggettività e l’obiettività con le quali, afferma, opererà nel suo ruolo di giurato. “È per me un grandissimo onore far Leggi di più

Credit Management, è uscito il nuovo libro di Roberto Daverio sul ruolo del credit manager
Dopo “Credit Manager Stategico”, a settembre di quest’anno è uscito il nuovo libro di Roberto Daverio sulla figura del credit manager e sui processi operativi del credit management in azienda “Credit Management – Ruoli, prassi e processo” è questo il titolo del nuovo libro di Roberto Giancarlo Daverio, Presidente ACMI, che descrive ruolo e competenze del credit manager in Italia. Leggi di più
Privacy, il GDPR ha avuto effetti positivi per l’81% delle aziende conformi
A distanza di oltre un anno, solo il 28% delle aziende è in linea con il Regolamento europeo: tuttavia per l’81% esso ha avuto effetti positivi in termini di reputazione e brand image A più di un anno dall’entrata in vigore del nuovo Regolamento europeo per la protezione dei dati (GDPR), solo il 28% delle aziende ne soddisfa i requisiti. Leggi di più

stopsecret tv media interviste filmati youtubeGli ultimi video di Tutto intorno

Notizie in prima pagina di Tutto intorno

Privacy: il DPO dev’essere un dipendente della società incaricata
Secondo una recente sentenza del Tar Lecce, il Responsabile per la protezione dei dati dev’essere un dipendente dell’azienda a cui è stato affidato l’incarico È destinata a fa discutere la sentenza n. 1468/2019 del Tar Lecce in merito alla nomina del DPO (Data protection officer). Il verdetto infatti rischia di sollevare alcune polemiche sulla valenza   delle “Linee guida sui responsabili Leggi di più
Crescono gli investimenti nel real estate alberghiero che rappresenta, nel 1° semestre del 2019, il 42% degli investimenti immobiliari in
Miglioramento, in Italia, dell’offerta di strutture turistiche alberghiere, ma rispetto all’Europa resta comunque un divario della quota di alta gamma.  Il numero di strutture alberghiere in Europa supera di poco quota 200 mila, in progressiva flessione dal 2010, ma il numero delle camere sta contestualmente aumentando fino ad arrivare a 6,7 milioni unità, a sottolineare una progressiva concentrazione, soprattutto in Leggi di più
Il Governo è morto, lunga vita al Governo!
Con l’inatteso cambio di Esecutivo tornano sul tavolo, in attesa di soluzioni non ancora raggiunte, tutti i grandi e piccoli problemi dei nostri comparti. Noi, ai quali piacciono poco i discorsi sulle mescolanze di colore e molto i neutri fatti, chiediamo come al solito attenzione. E magari passi avanti. Ci risiamo. Nella cornice del nostro editoriale, per sua natura periodico, Leggi di più
Pagamenti online, dal 14 settembre entra in vigore la Psd2
Sabato 14 settembre trova attuazione la direttiva europea per i pagamenti digitali: l’Open Banking verrà applicato fin da subito, mentre per la Sca ci sarà da attendere ancora Da sabato 14 settembre addio agli attuali sistemi di pagamento online, bancomat e carte di credito: arriva la Psd2 (Payment services directive 2) che apre le porte a terze parti non riferibili Leggi di più

stopsecret eventi seminari workshot serate awards

Archivio notizie di Tutto intorno