StopSecret


La vigilanza privata non va in vacanza


a cura di Redazione
segreteria di redazione

La vigilanza privata non va in vacanza
Aumento record dei furti in abitazione: svaligiata una casa ogni due minuti

chi è…

LEONARDO CEA

Guardia Particolare Giurata

Dal 2001 Guardia Particolare Giurata a Verona, dopo essersi formato nel corso degli anni come operatore di centrale presso la Vigile San Marco, si appassiona al settore della vigilanza privata.

Nel 2007 pubblica il portale Guardieinformate.net, sito d’informazione a 360° per gli operatori del settore sicurezza.

Dal gennaio 2010 al 2013 scrive per la rivista Action Arms occupandosi della rubrica Guardie Giurate.

Nel 2014 scrive per la rivista Armi e Tiro e dal 2015 segue la rubrica Guardie Informate per la rivista Armi & Balistica.

Autore di numerosi blog e articoli sul web, da anni racconta cosa succede nel mondo della vigilanza privata e segue costantemente la cronaca nazionale, informando tutto il settore.

Attualmente è un operatore di centrale per la Civis S.p.A. filiale di Verona.

Presenti 360 giorni l’anno h24 su tutto il territorio italiano le guardie giurate nel periodo estivo sono maggiormente richieste per vigilare su aziende e abitazioni di cittadini in ferie.

Quale opportunità migliore per i ladri se non approfittare di ville e appartamenti vuoti durante il periodo delle vacanze o delle calde notti d’estate quando le persone dormono con le finestre aperte.

E allora interviene la vigilanza privata con le sue guardie giurate a presidiare aziende, strutture private, ville e ad effettuare continui giri di ronda nelle località turistiche al fine di prevenire questa ondata di furti.

Da una recente ricerca del Censis – Centro Studi Investimenti Sociali -, emerge che negli ultimi 10 anni, si è registrato un aumento record dei furti in abitazione (+127%), in pratica è stata svaligiata una casa ogni due minuti.

Asti, Pavia e Torino sono le province più colpite. Il fenomeno è in forte crescita a Milano (+229% tra il 2004 e il 2013), Firenze (+177%), Roma (+120%) e Bologna (+104%).

Contrariamente a qualche anno fa, oggi i ladri preferiscono sempre di più svaligiare le abitazioni private perché i negozi, le banche, gli uffici postali e le strade commerciali sono maggiormente controllate dagli istituti di vigilanza privata e dalle loro guardie giurate e quindi sono dotati di sistemi di sicurezza avanzati in grado di scoraggiare chi vuole commettere il reato o di individuarne il responsabile.

Esaminando la situazione dei furti e delle rapine negli altri paesi europei, l’Italia è al 6° posto: vengono consumati 4 furti/rapine in abitazione ogni mille abitanti rispetto alla media europea di 2,9 (i dati di comparazione internazionale sono riferiti all'anno 2012). Più insicuri dell'Italia sono solo Grecia (7,9 reati ogni mille abitanti), Danimarca (7,8), Belgio (7,2), Paesi Bassi (6,7) e Irlanda (6,1). Ultimi in classifica (cioè i Paesi più sicuri) sono Romania (0,8) e Slovacchia (0,3).

di Leonardo Cea – www.guardieinformate.net
© Riproduzione riservata

StopSecretEventi >>
I prossimi appuntamenti

StopSecretNewsletter
Rimani sempre informato





stopsecret tv media interviste filmati youtubeGli ultimi video


stopsecret eventi seminari workshot serate awards